MB Dance Passion | Storia della Rumba
La Rumba | Stampa |

La Storia della Rumba

La Rumba nacque a Cuba, dopo l'abolizione della schiavitù (1878). Grandi masse di negri lasciarono i campi, dove non possedevano alcun bene, e si trasferirono nelle periferie delle città, per organizzare una nuova vita. Costruirono accampamenti precari e squallidi quartieri, dai quali partivano per svolgere i più umili lavori nei centri urbani. Per questa gente, povera ma libera, la musica e la danza diventarono ben presto un modo di essere e di vivere, un modo di esprimersi, sul piano religioso, sociale e affettivo. Gli ex-schiavi non possedevano strumenti musicali. Per la produzione dei ritmi usavano di tutto:

•  Maracas (zucche svuotate, con sassolini dentro)
•  Marimba (rumba box: strumento di percussione)
•  Claves (due bastoncini di legno percossi l'uno contro l'altro)
•  Cassoni vuoti che fungevano da tamburi

Quando mancava qualcuno di tali strumenti, la percussione era affidata  a vari utensili e oggetti domestici quali bastoni, cucchiai, piatti di legno, ecc.

Sul piano coreico, il miscuglio delle figure inventate e mutuate da danze varie non fu inferiore a quello operato per gli 'strumenti' musicali. I danzatori innestarono elementi di balli africani su basi di habanera e su alcune figure di conga. Tendenzialmente preferivano i ritmi molto vivaci. Le parti cantate, improvvisate, avevano per oggetto la durezza e i sacrifici di una esistenza quantunque libera, perchè la povertà crea sempre un qualche tipo di schiavitù. Su basi musicali che si dispiegavano lungo un ventaglio ritmico molto ampio, dal lento al velocissimo, si alternavano tematiche di denuncia sociale legate alla quotidianità e problemi riguardanti l'amore, con le sue leggi eterne.   



Mi piace qui riportare un concetto bellissimo dell'antropologo e storico della danza Curt Sachs, enucleandolo dal suo contesto (Cronologia dei primi strumenti): "I popoli, al pari degli individui, reagiscono in maniera differente alle emozioni. C'è chi risponde a uno stimolo emozionale da musicista, ossia cantando o sonando; altri con differenti maniere. Una reazione musicale è debole e improbabile presso gli esquimesi, robusta e pressochè sicura invece presso popoli negri, indipendentemente dal loro livello culturale" (Sachs Curt, Storia degli strumenti musicali, Milano, Mondadori, 1996).

L'architettura iniziale della rumba aveva tre parti distinte:

1. Yambù.
Era la parte riservata alla dama. La base musicale era molto lenta. La melodia era affidata al coro, mentre il  tamburo dava il ritmo. La donna si muoveva in figure sensuali atte a presentare le sue virtù femminili e domestiche. I cavalieri si alternavano astenendosi da qualsiasi contatto fisico.

2. Guaguancò.
Era un vero e proprio gioco d'amore: su un ritmo più veloce il cavaliere girava attorno alla dama fingendo (o cercando) di allungare le mani verso le sue parti intime. La dama, a sua volta, girava in senso inverso per schivare gli attacchi del maschio. Al tempo stesso alzava i lembi della gonna ed eseguiva ripetuti movimenti di bacino in senso ondulatorio: era un vero e proprio rito propiziatorio collegato alla fertilità.

3. Columbia.
Il ritmo diventava molto veloce: ballavano solo i cavalieri che dovevano dimostrare la loro virilità attraverso la capacità di resistenza e la fantasia creativa. Emergeva con tutta evidenza la rivalità con gli altri uomini nel 'colpire' e conquistare le donne. Il ballo si faceva pesante quando si arrivava alla prova dei coltelli: ogni ballerino si legava alle caviglie dei coltelli molto affilati e danzava secondo un ritmo crescente.

Ciascuna delle suddette parti è considerata, da una parte della critica contemporanea, un segmento di rumba. In pratica, la rumba si presentava come la somma e la sintesi di queste tre sezioni. 


Diversi studiosi preferiscono considerare ciascun segmento come un vero e proprio ballo autonomo, vista la differenza ritmica e contenutistica che intercorre fra di loro. Proprio questa impostazione avallerebbe il concetto di rumba come genere. Oltre alle suddette danze, infatti, sono riconducibili al cosiddetto ballare rumbero   il bolero e il calypso (lenti) e la stessa bomba (più veloce) sviluppatasi a Porto Rico. E' anche dimostrato che il guaguancò preesisteva, proprio a Cuba, alla rumba.
Nella rumba delle origini, alcuni movimenti dei cavalieri furono considerati pericolosi (in effetti lo erano: es. la prova dei coltelli). Per quanto riguarda i movimenti della donna, essi furono ritenuti troppo licenziosi dalla borghesia e dalle classi dominanti. Per questo motivo la rumba rimase confinata, per un pò di tempo, nelle estreme periferie urbane e fra la povera gente.

Nella originaria ripartizione trifasica che ho riportato (yambù, guaguancò, columbia) erano presenti in realtà due anime diverse:

•       L'anima romantica, che ispirava le delicate e sensuali figure coreiche femminili, su ritmi molto lenti (yambù).
•       L'anima aggressiva, che ispirava, su ritmi veloci (guaguancò, columbia):
i giochi d'amore, dove agli 'assalti' (corteggiamenti) dei maschi si contrapponevano le risposte ambigue delle femmine, oscillanti tra la dichiarata volontà di difesa e la nascosta,      malcelata, intenzione provocatrice; le competizioni tra maschi, caratterizzate dalla volontà di possesso e di accaparramento delle femmine, secondo il codice ancestrale stabilito dalla natura.  

Queste due anime della rumba hanno dato origine a due diversi filoni musicali e coreici:
•       allo stile rumba/beguine;
•       allo stile caraibico.

Dello stile rumba/beguine parlo di seguito (nella SECONDA PARTE), in quanto è il tema del presente paragrafo. Dell'altro stile mi preme sottolineare che:
•       Dal Guaguancò si arriva:
        1. al Mambo, attraverso l'assimilazione del son cubano delle origini;
        2. alla Salsa cubana, con particolare riferimento all'azione del corpo e ai movimenti di fianchi
            e bacino.

•       Dalla columbia si arriva alla Salsa portoricana, passando attraverso la bomba, dalla quale
         sono mutuati i movimenti di gambe e piedi (pasitos).  
Si deve anche aggiungere che molti ballerini ed istruttori di salsa cubana e portoricana, che operano nelle regioni del Sud America, contro la inarrestabile proliferazione di figure latino-americane applicate alla salsa, vanno teorizzando e praticando un recupero della gestualità rumbera, con particolare riferimento all'azione corporea del guaguancò, al fine di ritrovare la perduta atmosfera africana. Essi sostengono che dal processo di pesante stilizzazione a cui sono state sottoposte le danze caraibiche, queste sono uscite come snaturate, irriconoscibili. Esse non sono più portatrici di messaggi afro-cubani e portoricani. Sono semplicemente un prolungamento della disciplina internazionale denominata Danze Latino-Americane.  

Nella fase matura la rumba si perfezionò, attraverso l'introduzione di strumenti musicali professionali e attraverso la cura dei testi:
•       Per le percussioni furono usati dei tamburi particolari denominati tumbadoras. Generalmente si
         trattava di tre tamburi di misure e suoni differenti.
Nel testo cantato si introdusse la parte dialogata: ai versi del cantante solista, anche improvvisati, rispondeva il coro con un ritornello estrapolato dalle parole del cantante stesso. L'introduzione del dialogo fu di grande effetto perchè vivacizzò la danza in maniera sorprendente. Fu tale il successo di questa innovazione che la stessa fu presto adottata da Arsenio Rodriguez nella creazione del 'son montuno'.